default logo

Schiavi degli Dei

ACQUISTA IL LIBRO Schiavi degli dei

Grafica di copertina Giulia Giammona

Ci sono mai stati un primo uomo di nome Adamo e una prima donna di nome Eva?
È mai esistito un serpente tentatore? E chi erano gli Angeli?
Perché e quando “… i figli degli dei si unirono con le belle figlie dell’uomo”?
L’uomo moderno è davvero l’erede dell’uomo di Neanderthal?
Egli rappresenta davvero l’ultimo anello dell’evoluzione umana?
Da dove provenivano i Sumeri?
Come e da chi essi appresero, ben 5.000 anni fa, le straordinarie conoscenze astronomiche circa la creazione del nostro sistema solare?
Sono queste solo alcune delle domande a cui l’autore Biagio Russo risponde con puntualità e chiarezza.
Risposte frutto di una ricerca severa, portata avanti sempre e costantemente con l’ausilio di testi originali, anche molto antichi, ma soprattutto grazie alla testimonianza redatta in scrittura cuneiforme su tavolette d’argilla da un popolo straordinario: i Sumeri.

  • Dalla PREFAZIONE di Gabriel Aldo Bertozzi

    […] Biagio Russo ha intrapreso in questa consistente opera un’inchiesta emozionante sulle nostre più remote origini. In un’epoca in cui i risultati della scienza diventano sempre più inquietanti, egli ha cercato con scrupolose ricerche di offrirci la chiave di una conoscenza troppo spesso affidata a un esoterismo d’accatto, specie per chi è rimasto ancorato a reminescenze scolastiche, soprattutto occidentali.

    L’autore, con la sua scrittura personale, disinvolta, ma mai disgiunta da quei dati scientifici richiesti dall’argomento, ci irretisce, pagina dopo pagina, tenendoci sempre vigili per seguire l’inchiesta che promuove, come se seguissimo un accattivante romanzo poliziesco.

    […]Opera pertanto personale anche nei contenuti, nelle varie tesi che si susseguono, ma ed è questo che conta sempre corredate da un’ampia documentazione e nel rispetto degli studiosi che l’hanno preceduto.

    […] la Mesopotamia, la civiltà sumerica sono indubbiamente i “protagonisti” di questo lavoro, non solo per la loro importanza («culla della civiltà, come viene ormai unanimemente riconosciuta dagli storici di tutto il mondo»), ma pure perché, aggiunge Russo, «pare […] sia stata anche spettatrice di importantissimi eventi prediluviani, cioè, ancor prima della comparsa della civiltà sumera».

    […] Il titolo, Schiavi degli Dei, davvero molto intrigante, con la sua carica di simbolismo wagneriano, sembra scelto per ragioni poetiche e, forse, neppure i pochi iniziati al corrente del tema poi trattato in modo specifico (l’ingegneria genetica), ne coglierebbero d’embée il senso reale. Scelta del nostro detective del mistero il quale, solo dopo tante pagine, ci spiega che dalla lettura e dalle analisi degli antichi testi sumeri, e non solo, risulta che i primi padroni della terra furono esseri superiori che crearono individui «dotati di ragione, delle entità biologiche ubbidienti e sottomesse; da utilizzare a proprio piacimento; quasi dei “robot biologici”. Usando una sola parola, degli schiavi. » E Russo precisa poi: «troviamo conferma a questa supposizione nella coerenza con cui i Sumeri consideravano lo scopo della propria vita: servire esseri superiori che chiamavano dingir».

    […] L’autore ha indagato, come dice il sottotitolo, sull’alba del genere umano, fornendo così ai propri lettori i mezzi per ogni altra riflessione, sua pure sull’immortalità o l’eternità.

  • Recensioni

    “Schiavi degli Dei”: diario di un vero viaggiatore verso l’alba del genere umano – Dott.ssa Debora Avola, Direttrice e Cofondatrice di Home Base – The Box

    L’opera di Biagio Russo si apre con una lunga serie di ringraziamenti verso coloro che lo hanno sostenuto in quattro anni di impegno costante, in concreto, fornendogli prove che recano in sé la forza della notte dei tempi e che, ancora esistenti, continuano a rivelare la propria sostanza nei musei e nelle biblioteche più rilevanti del mondo. E, allora, tale scelta pone in luce l’umiltà di un uomo che, divenuto “viaggiatore” in tempi acerbi ma sufficienti a scatenare la necessità di proseguire in una ricerca che non lo abbandonerà mai, esprime riconoscenza per la grandezza di ciò che ha potuto ricevere e che, tradotto nella necessità del viaggiatore stesso, consiste nella consapevolezza del valore delle “mappe” ricevute, da percorrere inesorabilmente per giungere alla grande meta, nonché l’orizzonte della Conoscenza. Al contempo, tale meticolosa opera si delinea nell’immaginazione di chi riesce a percepire attraverso un certo sentore, come il ”diario” del viaggiatore Biagio Russo e che si configurerebbe, inoltre, come la strada più logica da seguire di tutti quei viggiatori orientati sullo stesso cammino; un libro che, letto con la sensibilità di chi conosce il valore della ricerca, conduce ad emozionarsi, a sorprendersi dinanzi alle prove mostrate, comparate e messe in ordine, come a voler restituire lo splendore ad un grande mosaico rivelatore. E il risultato complessivo di questa ricerca è una probabile realtà se non, addirittura, quella tra le più probabili formulate <<dall’uomo stesso>> sino ad ora. Il titolo, Schiavi degli Dei non lascia dubbi al contenuto; per comprenderne sino in fondo lo spirito e l’intenzione, però, è necessario al contempo compiere un passo di maturazione individuale, spogliandosi dei pregiudizi, di tutti gli stereotipi e delle convinzioni in cui le civiltà cui apparteniamo si crogiolano da secoli attraverso i condizionamenti culturali, nella fattispecie quella occidentale disponendosi, così, alla corretta ricezione di nozioni che, da una parte illumineranno la strada e dall’altra lasceranno l’amaro in bocca. E’ un adeguato e concreto punto di partenza che rende possibile l’affaccio sull’alba del genere umano, presentato secondo un ordine che si regge in piedi e che, introdotto dall’interrogativo d’apertura “Quando iniziammo ad esistere?”, percorre le fila di una ragnatela costituita da un intreccio di prove concrete e di storia attraverso le corrispondenze tra miti, leggende e realtà. Perciò, secondo un filone di pensiero molto simile a uno studioso dell’antichità orientale, Biagio Russo esaminacosmogenesi e antropogenesi e rileva che la Bibbia (soprattutto per quanto riguarda la parte della Genesi) possiede molti elementi comuni a quelli delle leggende assiro-babilonesi; in particolare il racconto della creazione ricorda quello del poema babilonese Enuma elish e pare scontato concludere che tale racconto, infine, non è che pura rielaborazione dei testi mesopotamici.

    Tali testi, perciò, sono stati rielaborati dagli stessi ebrei omettendo dettagli fondamentali, probabilmente, per una questione legata alla stesura di un nuovo copione. Inoltre, il mito del diluvio universale è di origine sumerica e, nonostante riferimenti espliciti ai sumeri nella Bibbia non compaiano mai, il sumerologo Samuel Noah Kramer rivela in che modo, invece, anche questo popolo è stato di ispirazione per il testo sacro, in particolare per quello che riguarda i semiti. Pare inoltre che la fonte rivelatrice circa la Creazione di un lulu mortale, come essere servile, utile ai dingir, vada ricercata proprio nelle tavolette sumere e che tale essere, infine, altro non fosse che l’Homo Sapiens. E che l’enigma circa Adamo, Eva ed il Serpente tragga le sue origini ne L’Epopea di Gilgamesh e ne Il mito della caduta dell’Uomo (Adapa ed il vento del Sud). Ma cosa spinge l’essere umano a scavare nei reperti e nei testi antichi per comprendere il motivo delle sue origini? Quali sono i bisogni che si avvertono dinnanzi a tutte queste prove? La mortalità umana è una caratteristica intrinseca nel nostro essere e, pertanto, sin dagli albori della ragione si cerca di comprendere il motivo per il quale a noi fosse stato assegnato tale destino. Ed è questo il motivo che ci rende “viaggiatori” e di cui Biagio Russo si fa portavoce, tendendo la mano verso coloro che hanno desiderio di mettere in discussione tutti i preconcetti sui quali hanno fondato le proprie conclusioni circa tale enigma, condizionati nella propria formazione dalle motivazioni romanzate delle varie religioni e delle culture di appartenenza e venendo a capire, in conclusione, che il figlio di Dio per come un cattolico (ad esempio) si dipinge, era in realtà uno schiavo. Per comprendere il peso di questo termine, logicamente, è necessario leggere il libro, edito da Drakon Edizioni.

     

    SCHIAVI DEGLI DEI – recensione del Prof. Valentino Ceneri

    Preparatevi a rivedere e ad aggiornare tutte le vostre cognizioni sul sistema solare, sulla formazione del pianeta terra, sulla nascita e la successione degli ominidi e delle specie antropomorfe più vicine a noi – comprese l’Homo di Neanderthal e l’Homo sapiens sapiens – voi che vi accingete a leggere il libro di Biagio Russo Schiavi degli dei, edito da Drakon Edizioni nel 2010.

    Lasciate da parte, per un po’, anche quel sapete sulla Bibbia e sulle antiche civiltà sparse nell’arco della cosiddetta Luna fertile, perché anche quei frammenti di conoscenze devono essere riposizionate per arrivare ad uno sguardo d’insieme più coerente e più significativo. Si tratta di una revisione della storia delle civiltà del Medio oriente, a cominciare dalla primaria postazione tra i due fiumi – detta la culla della civiltà – per la quale occorre dimenticare l’impostazione evoluzionista o positivista, quella, per intenderci, che enuncia le fasi della civilizzazione come una progressione dal meno al più civile o dal meno perfetto al più perfetto.

    I Sumeri, a detta di Biagio Russo, erano arrivati già a coprire, con la loro indagine, tutte le conoscenze di cui disponiamo noi, grazie allo sviluppo delle scienze astronomiche, astrofisiche e delle scienze della terra. La nostra astrofisica e l’astronomia dei più moderni osservatori astronomici erano già codificati nelle loro biblioteche di mattonelle cuneiformi, conservate nella collezione più antica della storia: quella del Re assiro Assurbanipal. Gli eventi che avevano preceduto l’attuale posizione astrale delle orbite dei pianeti e dei loro satelliti erano stati descritti e disegnati proprio in quei supporti impastati di argilla. Il loro significato non solo è stato interpretato ma anche esplicitato nei suoi contenuti scientifici sorprendentemente congrui con le ultime ricerche della NASA e di astrofisici di chiara fama.

    Naturalmente, per i credenti delle varie religioni, nessun pericolo per i loro dogmi. Non si tratta di spodestare gli dei dal loro Olimpo, ma solo di vedere da vicino come possa cambiare la prospettiva di vita, una volta accertato che le collisioni e gli sfioramenti tra i pianeti e gli altri corpi celesti abbiano, di fatto, reso possibile la predisposizione delle condizioni di vita sulla terra. La Tiamat babilonese e la Tehom di cui parla la Bibbia. Immagino la costernazione dei teologi, quando non potranno più raccontare la favoletta della creazione, resa banale dalla ovvietà autorefenziale del loro codice interpretativo volto alla sottomissione ai loro dei. Perché nessuna delle narrazioni antiche è banale e antiscientifico.

    Era questo che ci si aspettava dagli studiosi. Ed è ciò che Biagio Russo, con la sua sagacia condita da una passione adolescenziale, è riuscito a darci. L’antico e il moderno, le formule matematiche più complesse e impensabili, per una comunità scientifica ritenuta primitiva, confrontate col calcolo infinitesimale dei calcolatori di ultima generazione, fanno un mix di notti insonni nell’umile tentativo di svelare l’arcano.

    Si narra della vicenda del corpo deforme del pianeta Terra (Tiamat), reso tale dall’urto inaspettato di un corpo celeste (Marduk), un pianeta girovago dall’orbita imprevedibile, che le liscia la pancia –si fa per dire- rendendogliela concava e che la mette in condizione di far emergere l’asciutto, in modo tale che, poi, da Pangea, con la deriva dei continenti, si arrivi all’attuale sua conformazione di oceani e continenti. L’evento è descritto in un grande Poema Epico della Creazione dei Sumeri, Enuma elish (Quando in alto), databile al 3.000 a. C., la cui descrizione corrisponde perfettamente alle risultanze delle ipotesi scientifiche, fattesi strada da non più di due secoli fa e confermate dalle ultime scoperte astronomiche.

    Nel passare alla seconda parte, ci rendiamo subito conto che gli assunti di base espressi nella semantica grafica della copertina del libro di Biagio Russo, Schiavi degli dei, non sono stati enunciati per scherzo. Il nocciolo della rivelazione consiste in un ribaltamento della interpretazione della tradizione biblica. Anzi, più che in un ribaltamento – citazione dopo citazione – il testo ci porta alla rielaborazione di tutto il nostro sapere dei miti della creazione, di quelli della Bibbia in prima linea. E’, difatti, un riposizionamento del grande puzzle scenografico della creazione, con l’aggiunta e lo spostamento dei vari tasselli già esistenti con l’integrazione con quelli dei nuovi rinvenimenti.

    Trovate, così, enumerati tutti gli attori elencati negli scritti di letteratura antica e negli scritti delle moderne scienze dell’uomo. Non siete contenti di vederveli balzare incontro? Non abbiate paura. La maggioranza di loro li conoscete già. Ma attenti! Per non andare in crisi, dovete liberarvi dagli stereotipi. Dovrete imparare la nuova semantica e sarete costretti anche a cambiare il vostro punto di vista.

    L’uomo, lulu, i giganti, i figli di dio, gli angeli, i guardiani/vigilanti, i Neftlin confrontati con gli australopiteceni, gli afarensi, l’homo erectus, l’homo abilis, l’Homo di Neanderthal, fino l’Homo di Cro-Magnon (Homo sapiens sapiens), e poi Ea, Tiamat, le dee madri, la Signora che diede la vita, Hawwah, Marduk, Nintu, Anu il dio del cielo, gli Anunnaki, Enuki il Signore della terra, per citarne i più noti.

    Alla base di tutta la nuova visione delle cose, i testi ritenuti sacri, a cominciare dalla Bibbia, dai testi egiziani e soprattutto dagli scritti dei Sumeri, degli Ittiti, degli Assiri, dei Babilonesi, dei Persiani. Troverete citazioni dirette delle edizioni critiche della Bibbia, del Poema di Ghilgamesh, de La Leggenda di Sargon, del Poema Epico della Creazione Enuma elish (Quando in alto), il Poema di Atrahasi o del Grande Saggio, il Libro di Enoch, l’Apocrifo della Genesi e di tanti altri documenti. Una nutrita documentazione archeologica e paleografica vi guiderà alla comprensione delle dimostrazioni più dirompenti contro gli stereotipi della dormiente cultura dei vari cristianesimi che cullano il sonno della ragione dell’occidente.

    Sarete costretti, inoltre, a rileggere i testi delle scienze della terra, a rinverdire la Teoria della deriva dei continenti, a leggere quelli di Astrofisica e di biologia molecolare.

    Tutte queste fonti, confrontate e riorganizzate per arrivare ad una tesi finale tra l’inverosimile e il sorprendente: l’homo sapiens sapiens, diventato la persona che noi siamo, è il frutto di un cammino accidentato e di combinazione di forze contrapposte, che ora si ritrovano a coesistere proprio nell’essere umano che noi siamo.

    Le aspirazioni verso il dialogo col cielo e il desiderio del ‘divino’ hanno potuto diventare verosimili e alimentare il miraggio –forse- di un’ultima dimensione dell’umano che supera le barriere della morte, grazie al cedimento dei figli di Dio che si erano invaghiti della bellezza delle figlie degli uomini. Come è affermato nella Bibbia Sacra. E così sia. Il resto lo leggerete di persona.

    “Ne verbum quidem”, allora, sull’opera di Biagio Russo? Con chiarezza egli afferma di essersi fermato a considerare le civiltà della cosiddetta Mezzaluna fertile. Delle altre, sparse nel mondo intero, non se n’è occupato, lasciando da parte anche l’Europa. Ma questo non può essere un demerito.

    Certo, il vantaggio di disporre di ricerche innovative nel campo della protostoria consiste nel fatto che esse aprono scenari insospettati che scombussolano le stereotipie, le visioni cosmologiche, antropologiche e anche escatologiche che hanno fatto, per millenni, da argine all’immane follia della percezione del caos e da guida verso le incerte mete dell’umanità. D’altra parte, prendere in considerazione le ipotesi espresse da alcuni autori, come i datati Gordon Childe, Gimbulas e Renfren, ma anche più recenti come Riccardo Lala (10.000 anni di civiltà europea), sulla cosiddetta Civiltà danubiana della mitteleuropa, risalente a quella stessa distanza di tempo, non avrebbe portato ad un conflitto di attribuzioni tra le culture, anche se da quelle parti che alcuni autori ipotizzano la nascita del linguaggio simbolico, al tempo dell’apparizione dell’Homo sapiens sapiens.

    Non posso tacere neanche sulla sorpresa della recentissima (1994-2006) scoperta del sito Gobekli Tepe, in Turchia, che arretrerebbe la nascita della civiltà a 12.000 anni fa, in epoca sicuramente antidiluviana, collocandola territorialmente molto più a nord di Ur dei Sumeri al confine tra la Turchia e la Siria, vicino all’antica Harram (la Carre romana). Ma la scoperta è troppo recente per essere metabolizzata e rielaborata dal mondo accademico

    Tutto questo non toglie nulla al merito di Biagio Russo, per la sua onestà intellettuale e per la grande fatica che si è sobbarcato nel fare le ricerche nelle migliori biblioteche europee e nel mettere a confronto una vasta bibliografia, che rende il libro indispensabile per coloro che avvertono il bisogno di scrollarsi di dosso i dogmatismi che infestano la cultura contemporanea.

    La crisi della cultura, la rottura degli stereotipi è motivo di sofferenza per coloro che si fidano solo degli schemi del passato. Solo il rinnovamento dei modelli di vita, basati non sugli stereotipi ma sulla conoscenza scientifica dell’evoluzione della specie umana potrà garantire una solida base di partenza per le trasformazioni-metamorfosi dell’uomo contemporaneo, che dovrà affrontare molte lotte ancora per non essere ‘schiavo’ di nessun altro essere. Compresi quelli chiamati “dei”.

     

    SCHIAVI DEGLI DEI di Biagio Russo – (Tom Bosco) da “Nexus New Times” n. 91 di apr-mag 2011

    Nel filone delle opere dedicate alle autentiche origini del genere umano, che facendo riferimento in particolare ai testi originali di origine sumera e babilonese implicano l’intervento esterno di una civiltà extraterrestre nell’antichità più remota per la genesi dell’Homo sapiens sapiens, si inserisce a buon diritto e con eccellenti credenziali questo saggio, che seppur non aggiunga nulla di fondamentalmente nuovo allo scenario della discesa degli “dei” sulla Terra e della loro interazione con gli uomini, lo rielabora contestualizzandolo e arricchendolo di nozioni, ipotesi e documentazioni estremamente valide.

    Mi ha particolarmente copito la sezione del libro in cui si affronta la questione della realie identià del “serpente” e del cosiddetto “peccato originale”, le cui argomentazioni e conclusioni sono ineccepibili e per certi versi addirittura sbalorditive, ma l’intero volume nel suo complesso è molto interessante e assai ben esposto.

    Nel leggerlo, si viaggia a ritroso sino agli albori delle nostre origini e si ripercorrono le vicende che hanno portato alla nostra creazione, avvenuta tramite l’ibridazione dell’Homo erectus con gli dèi Anunnaki, allo scopo di creare un manipolo di lavoratori che servissero questi ultimi. In definitiva, siamo nati come schiavi progettati per rimanere rigorosamente ignoranti, inconsapevoli e incapaci di ribellarsi, ma come viene magnificamente tratteggiato dalle vicende riportate e analizzate in questo saggio, un evento improvviso ha scombinato quello che potrebbe essere definito come “il progetto”, e il resto è storia.

    Un libro assai ben scritto e documentato, corredato di immagini e tabelle, che merita senz’altro un posto di rilievo nella vostra biblioteca.

     

    Schiavi degli Dei di Biagio Russo – Josaya

    L’intento principale di “Schiavi degli Dei“, esplicitamente dichiarato dall’autore stesso, è quello di farci fare una riflessione accurata sull’origine fisica dell’umanità, della terra e del sistema solare. Ci sentiamo di dire che il bersaglio è stato centrato in pieno.

    La miccia della curiosità di approfondire e di capire sicuramente viene accesa, pur non venendo completamente soddisfatta, perché come accade per ogni teoria seria, l’autore in nessun modo impone il suo pensiero come “la verità”, anche se lo fa apparire sicuramente come una spiegazione molto molto probabile.

    Il lettore potrà trovarsi in accordo o in disaccordo con le risposte che l’Autore propone, ma certamente i dubbi che Biagio Russo fa serpeggiare nella nostra mente, tra la moltitudine di conoscenze che abbiamo sempre tutti più o meno date per scontate, sono assolutamente legittimi e inattaccabili, sostenuti in maniera integerrima e professionale tanto che non tarderanno a mettere le loro radici.

    Per quanto sia una tesi ormai avvalorata ed accettata, forse a malincuore, anche dalla Chiesa cristiana, molto interessante è scoprire nella misteriosa civiltà Sumera le origini della cultura ebraica e della Bibbia, consapevolezza che risponde in modo credibile e condivisibile a non pochi paradossi che non avevano mai trovato una giustificazione razionalmente accettabile, se non “parola di Dio”.

    E’ questa la soluzione a tante incongruenze? Noi non lo sappiamo e certamente nemmeno l’autore ce lo impone, ma per lo meno queste spiegazioni, quelle incongruenze, date forse dall’interpretazione fortemente influenzata dei libri “sacri” nei secoli, le hanno superate in maniera indiscutibile.

    L’autore porta avanti fin dall’inizio una meticolosa ricerca che coinvolge storia, scienza, filosofia, archeologia, astronomia, etimologia, letteratura, religione ed esoterismo (i 360° possono prevedere qualcos’altro?), con il grandissimo pregio, viste le premesse e la vastissima cultura e competenza messe in campo, di non scrivere un libro mattone rivolto ai pochi appassionati e addetti ai lavori. Questo è un libro che può essere agevolmente letto da tutti, in quanto Biagio Russo riesce a trattare l’argomento, piuttosto ostico in verità, vista la moltitudine di punti di vista da cui viene esaminato, in modo semplice, chiaro, diretto e addirittura piacevole, senza mai banalizzare i temi trattati. Crediamo che per un saggio di questo genere non sia un pregio da poco.

    Un libro che di “esoterico” non ha nulla e addirittura ci permette di comprendere, come trattato mitico/storico il libro esoterico per eccellenza: la Bibbia. Che risulta essere da questa prospettiva la testimonianza fedele, di fatti e di avvenimenti assolutamente materiali, fisici e terreni.

    Ogni affermazione che l’autore propone è supportata da citazioni di testi originali o di precedenti autorevoli studi a firma di noti e accreditati studiosi. A Biagio Russo il grande merito di aver reso la sua ricerca un cammino davvero coinvolgente, nonostante la portata, un vero percorso di conoscenza profonda. Tutte le prove presentate in maniera organica sono assolutamente convincenti e fanno della teoria esposta una ricostruzione lineare ed attendibile di avvenimenti che a tutt’oggi continuavano ad avere non poco di misterioso ed inspiegato.

    Non sappiamo dire appunto se la versione di Nibirù e degli Annunaki & c. sia “la spiegazione”, ma certamente è “una spiegazione”, attendibile e giustificata, molto di più della favola di Adamo ed Eva e della biscia cattiva, o della teoria darwiniana dell’evoluzione dell’uomo sempre alla ricerca di quell’anello mancante che non vuol saperne di smettere di essere mancante. La Teoria di Biagio Russo (che per altro non è la sua teoria, ma ampiamente condivisa da autorevoli esperti di fama internazionale), l’anello mancante, per esempio, l’avrebbe scovato, certo in maniera incredibile per chi, date le nostre premesse culturali, filosofiche e religiose, non affronti il testo con mente aperta e particolarmente elastica.

    Abbiamo molto apprezzato l’assenza totale di atteggiamento polemico (a cui sarebbe stato molto facile indulgere, dato l’argomento e i precedenti) nei confronti della scienza e delle teorie ufficiali, nonché della religione e della sua spesso diffusa intransigenza. In effetti personalmente siamo molto lontani dal pensare che la prima spiegazione di ogni teoria lacunosa o che col tempo non regge il confronto con la verità, sia per forza da attribuire alla malafede o all’incompetenza (le spiegazione alternative e a nostro avviso più attendibili sono numerosissime). Biagio Russo si limita a sottolineare le falle, senza andare per forza a caccia di inutili capri espiatori; preferisce dedicare le sue energie a qualcosa di più utile e produttivo, come la ricerca della verità, rispondendo non esplicitamente a tutte le eventuali critiche con spirito obiettivo, oculato e certamente molto professionale.

    Il suo metodo risulta di fatto inattaccabile. “Schiavi degli Dei” si conclude, come abbiamo detto, senza un’esplicita presa di posizione dell’autore, altro atteggiamento sicuramente apprezzabile, perché lascia al lettore lo stimolo e il piacere di approfondire ulteriormente l’indagine.

     

    GLI SCHIAVI DI RUSSO: EX TENEBRIS LUCE di Alfredo Lissoni

    Dalle tenebre la luce. Già, perché bisogna ammetterlo, è raro trovare dei testi di “fantarcheologia biblica” (la vogliamo chiamare così? O archeoastronomia, o Antica Astronautica) che siano veramente ben documentati, credibili, inoppugnabili sotto tutti i punti di vista. Il tema, che fu sviluppato inizialmente con lo studio della Bibbia in relazione agli UFO, negli anni Cinquanta, dall’astronomo americano Morris Jessup, fu in seguito banalizzato da certe affermazioni non sempre documentabili da parte dei pur volonterosissimi Robert Charroux (che in mancanza di meglio attingeva a tradizioni esoteriche, medianiche ed iniziatiche, ben difficilmente accettabili dall’archeologia ufficiale) e da Erich Von Daeniken (“quell’albergatore che mi ruba tutte le idee”, diceva di lui Charroux), lesto nelle deduzioni ma spesso accusato di falso (e non solo da National Geographic, ma anche da ricercatori italiani che hanno smascherato la bufala della Cueva de los Tajos) e per questo finito sotto processo per truffa. Le moderne ricerche sono state invece supportate da prove documentali ben più credibili, che peraltro suscitano le ire della Chiesa perché mettono in forse taluni dogmi della Dottrina; ma sinora nemmeno Sitchin, sumerologo dinnanzi al quale facciamo tanto di cappello, era riuscito a fare quanto realizzato da Russo: creare un quadro assolutamente plausibile, ma soprattutto inattaccabile da tutti i punti di vista, religioso, archeologico, mitologico. Non mi dilungherò molto sui contenuti del testo, per non togliere ai lettori il piacere di assaporare questo piccolo capolavoro. Dirò solo che ogni affermazione, su quanto accadde nella notte dei tempi, è supportata da prove reali e da una vastissima cultura filologica, storica ed archeologica. Era ora, e si sentiva il bisogno di testi che finalmente fossero attendibili. Per questo il libro di Biagio Russo merita dieci e lode ed un posto in bella mostra nella vostra libreria di libri ufologici seri e scientifici.

     

    LE VERE ORIGINI DEL GENERE UMANO Schiavi degli Dei. L’alba dell’umanità – di Alfredo Lissoni

    L’autore ha cercato con il suo stile personale e disinvolto, ma preminentemente semplice ed incisivo, di addentrarsi nell’ignoto delle nostre origini cercando le risposte ai grandi quesiti che l’umanità si pone dagli albori della conoscenza del suo Universo, soprattutto alla luce di una evoluzione tecnoscientifica pressante ma incapace di penetrare l’essenza dell’antichità vista nel microcosmo e nel macrocosmo che la compenetra. Con una perspicace indagine metalogica e filosofico-storica Russo si pone come prodromo di una nuova ricerca della verità e di una conoscenza che si avvale di una disanima precisa sugli indizi e le testimonianze di cui sono latori antichi testi dei popoli antichi. Biagio Russo ci conduce nell’ineffabile mistero della cosmogonia avvalendosi di un’ampia documentazione vagliata con un piglio scientifico e speculativo che avvince il lettore e che pur rammentando la ricca weltanschaung culturale lasciataci in eredità da P. Kolosimo,(di cui l’autore è per sua stessa ammissione debitore) ci offre uno scenario di comprensione ed intelligibilità degno dei più scrupolosi ricercatori. E questo lo si può certamente notare apprezzando le scrupolose narrazioni provenienti dalla terra dei Sumeri riportate in questo libro; contenuti verificati e verificabili soprattutto depositari di conoscenze incredibili, inimmaginabili e diacroniche se rapportate all’epoca neolitica in cui furono espresse. Il metodo che segue l’autore è incontestabile, nonché è degna di nota la sua prosa farcita da interrogazioni retoriche perché Russo è ben consapevole che affrontare taluni assiomi storici dei Sumeri mediante una disanima libera da pregiudizi e condizionamenti può sconcertare e sollevare critiche da parte degli studiosi più tradizionalisti!Eppure le prove sono lì disposte davanti ai nostri occhi; dati incontrovertibili ai confini del mito ed antesignani della scienza. La storia, prima di tutto, e ciò che si evidenzia innegabilmente, come un calco di un passato che è tesoro innegabile della umanità passata e futura. Dalla civiltà mesopotamica culla della civiltà, spettatrice ed interprete di eventi prediluviani, ripercorriamo la genesi di Assiri, Babilonesi e dei Sumeri, in tutti quegli aspetti che ne ricusano rigetti aprioristici ed acritici. Perché rifuggere dunque dall’apparentemente illogico quando si hanno presenti e convalidanti tutti questi eventi biblici e pre-biblici Russo focalizza la sua attenzione sui Sumeri i quali fissano lo scopo precipuo della loro vita nel servire essere superiori detti «dingir», e che appaiono come i primi padroni della Terra che decidono di creare entità biologiche, intelligenti ma ubbidienti e sottomesse ossia una sorta di umani «robotici». Questo libro è dunque una riflessione sull’immortalità e l’eternità colte dalle tradizioni della collettività sumera; un popolo sapiente e sociale, che, non dimentichiamo, ha inventato la scrittura, la ruota, l’urbanizzazione, la musica, ed altro ancora.

    Dunque nel capitolo della Parte II di questo lavoro si parla della creazione del genere umano, preceduto da un opportuno antefatto quale causa-effetto della conseguente azione. E’ dunque la chiara, lucida e precisa descrizione del perché, quando e come si procedette alla realizzazione di un essere lavoratore essenziale ed ubbidiente: l’uomo primitivo, lo “schiavo degli dei”. Troviamo anche Angeli, Giganti, Figli di Dio o Vigilanti, che sono solo alcuni degli attori principali della IV ed ultima parte del libro, artefici del progetto supremo. In conclusione il lettore si domanderà se l’ uomo moderno è davvero l’erede dell’uomo di Neanderthal, e se egli rappresenta davvero l’ultimo anello dell’evoluzione dell’uomo. E come mai i Sumeri, apparvero improvvisamente e ben 5.000 anni fa, possedendo già le straordinarie conoscenze astronomiche circa la creazione del nostro sistema solare? Biagio Russo con l’ausilio di numerosi ed antichi scritti, curati da autorevoli esperti internazionali di assiriologia e sumerologia e da esponenti di spicco del mondo accademico dell’astronomia, della storia, della statistica, della lingua e della letteratura straniera, e soprattutto grazie alla lettura della scrittura cuneiforme sumera ci ha dunque regalato un percorso d’indagine scientifico, filologico, storico e letterario alla ricerca della verità sulle origini del genere umano che ha veramente pochi precedenti letterari, e che appassionerà e stupirà il lettore dalla prima all’ultima pagina.

     

    SCHIAVI DEGLI DEI di Biagio Russo – recensione a cura di Silvana Stremiz

    Quando prendiamo in mano un libro, a secondo del tipo di libro che leggiamo, prendiamo in mano la mente dell’autore la sua la fantasia o semplicemente la sua conoscenza. Se scegliamo un poeta viaggiamo fra le pareti della sua anima, se scegliamo uno storico attraversiamo la conoscenza, se leggiamo un libro di Fantasia prendiamo il volo in un mondo fantastico, di una mente geniale di chi sa creare con la fantasia un mondo magico. Se invece leggiamo “Schiavi degli Dei ” di Biagio Russo attraversiamo la conoscenza, la saggezza di una mente geniale capace, che ha saputo mettere insieme nozioni storiche con profondità d’animo e razionalità donandoci la possibilità di sapere, di condividere antiche conoscenze mettendo in discussione antichi scritti della Bibbia sul quando e il perché di miti e leggende. Ci troviamo ad indagare insieme all’autore sulle origini dell’uomo. Viaggiamo attraverso la scienza e la filosofia, il tempo la storia e la letteratura alla ricerca della verità sulle origini del genere umano. Se troviamo il coraggio di liberare la mente da molti antichi “credo” scontati ed aprirla verso la conoscenza ci troveremo illuminati verso una nuova realtà fatta di domande e risposte… Un libro per tutti, ma non tutti siamo pronti alla verità.

     

  • Video – Muggiò (MB) 18 Febbraio 2012, conferenza di Biagio Russo




  • Video – 18 Febbraio 2012 “Il Diluvio… un castigo divino?” con Biagio Russo, conduce Alfredo Lissoni (Radio Padania libera)

  • Video – Occhiobello (RO) – 29 Ottobre 2011, Centro Accademico Studi Ufologici – U.S.A.C. – XI meeting internazionale di Ufologia


  • Video – Rho (MI) – 6 Marzo 2011 “Ufo: un balzo tra lo spazio e il tempo”

  • Video – Remanzacco (UD) – 27 Novembre 2010 presentazione del libro “Schiavi degli Dei”

  • Video – 20 Agosto 2010 – Schiavi degli Dei, con Biagio Russo, conduce Alfredo Lissoni (Radio Padania libera)


  • Video – TV6 – Maggio 2010, Biagio Russo a “I Libri di Pepe”, conduce Ferruccio Benvenuti

  • Link ad altre risorse video